mdpr1@libero.it

Il famigerato ‘buco dell’ozono’

Commenti (3) Varie ed eventuali

Nessuno parla piu’ del famigerato ‘buco dell’ozono’.

Come mai?

Con tutta probabilità, perchè i dati attuali non sono tali da potere essere usati per allarmare il volgo come qualche anno fa.

O magari, semplicemente perchè è passato di moda.

Come ebbi a scrivere sul Corriere della Sera il 18 agosto 2009, in verità nessuno puo’ asserire con certezza che il ‘buco dell’ozono’, scoperto nei primi anni Settanta del Novecento e studiato dai primi Ottanta, non sia SEMPRE esistito.

Cosi’ fosse – e non si puo’ scientificamente affermare il contrario – come in infiniti altri casi ci troveremmo di fronte a una delle tante catastrofiche affermazioni utilizzate per allarmare il volgo e conseguentemente lucrare investimenti a livello internazionale.

3 Responses to Il famigerato ‘buco dell’ozono’

  1. Carmine Ferrara ha detto:

    Beh, ogni tanto, passato di moda il famigerato “buco dell’ozono”, ci vuole qualche cosa per creare allarme, ed ecco che, puntualmente, arrivano “le macchie solari” in fase di evoluzione con esiti da “armageddon” per il nostro pianeta. E’ così: un giorno c’è il pericolo “glaciazione”, un altro la piaga del “surriscaldamento” con conseguente scioglimento dei ghiacci. Meno male che ora è arrivato anche Povia ( il cantante ndr ) che ha sciorinato la teoria (?) per la quale il movimento di 7 miliardi di persone sulla terra sarebbero quanto meno concause dei fenomeni tellurici. Attenzione a non saltare!!!

  2. Cesare Chiericati ha detto:

    E non dimentichiamo le piogge acide che negli anni ottanta allarmarono mezzo mondo.
    Gli “esperti” affermarono che nel giro di dieci, vent’anni buona parte delle foreste europee sarebbero scomparse con conseguenti titoli cubitali su giornali, radio e televisioni…

  3. Enzo Tosi ha detto:

    Cari amici, basti citare il prof. Richard L. Lindzen, docente di meteorologia al M.I.T, scienziato di elevato livello :
    “I movimenti (da Worldwatch a Greenpeace via WWF), che agitano il terrorismo ecologico, sono costituiti da dilettanti, che fanno soldi allarmando la gente per poi chiedere donazioni.”.
    “Buchi dell’ozono”, “piogge acide”, “surriscaldamento del pianeta”, “peso dell’insieme degli esseri umani” (*) etc di vero hanno solo una cosa : sono fregnacce ricorrenti, agitate a fini terroristici per procurare proventi a coloro che sono tanto abili da avvalersene. Enzo Tosi. (*) Sapete qual’è la forma vivente, che pesa di più, più di tutti gli elefanti, più di tutti gli alberi, più di tutti gli uomini ? I batteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *