mdpr1@libero.it

La madre inglese

Nessun commento Varie ed eventuali

Il fatto che sua madre fosse inglese influì grandemente su Giovanni Sgambati.

In un periodo nel quale i compositori italiani si davano al melodramma lirico, da lei spronato, si illustrò in tutt’altro campo.

Epigono di Liszt (del quale era stato allievo fin dai suoi sei anni) e apprezzato da Wagner, fu autore di apprezzabili e nobili opere di musica sinfonica e cameristica.

Per inciso, il mio interesse nei suoi confronti deriva dalla lettura della targa che lo ricorda posta sulla facciata di una casa in piazza di Spagna.

Di madre inglese, anche Rafael Sabatini, poliglotta, girovago, prolifico narratore, autore fra l’altro di due romanzi un tempo celeberrimi e degnamente portati sul grande schermo: ‘Scaramouche’ e ‘Captain Blood’.

E dove se non nella trasposizione di ‘Scaramouche’ si incontra il più ardente, feroce e lungo duello alla spada mai visto al cinema, duello nel quale Stewart Granger, non sostituito come il rivale Mel Ferrer da una controfigura, dimostra tutta la sua abilità di spadaccino e atleta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *