mdpr1@libero.it

Esteban Canal nel ricordo di Giancarlo

Nessun commento Eminenti Varesini

Tra i filmati proposti nel sito, anche uno dedicato al grande scacchista peruviano Esteban Canal, per lunghi decenni vissuto a Cocquio Trevisago a un tiro di schioppo da Varese.

Ecco quanto in ricordo di un suo lontano incontro col Grande Maestro ad honorem ha scritto l’amico Giancarlo

 

“Probabilmente una quarantina d’anni fa, un giorno entrai nel bar autolinee nel centro di Gavirate per prendere un caffè.

Fui incuriosito da un gruppetto di persone attorno a due tavoli.

Mi avvicinai e vidi dei giocatori di scacchi con aria da professionisti con il classico orologio che viene bloccato dopo ogni mossa.

Fui affascinato.

Poi seppi che si trattava di partite lampo, molto veloci.

Fino allora avevo giocato a scacchi all’oratorio del mio paese con le classiche piccole scacchiere appunto da oratorio.

Bellissimo vedere quei giocatori che muovevano i pezzi velocissimamente.

Poi seppi che il bar era la sede del club degli scacchi di Gavirate.

Esteban Canal

Esteban Canal

Mi iscrissi al club e al torneo open che era in programma di li a poco.

Comprai e studiai un pochino il libro sugli scacchi consigliato dal club.

Il torneo si svolgeva nel ristorante, oggi TIPAMASARO, e la sera dell’inaugurazione del torneo c’era Esteban Canal.

Il presidente del club lo presentò ai nuovi soci spiegando  la storia del grande campione peruviano.

Poi si fece il sorteggio e come avversario mi capitò proprio Esteban Canal.

Ero un giocatore da oratorio e mi trovavo di fronte uno dei più forti giocatori di sempre, tra i più forti del mondo.

Naturalmente la partita  durò pochi minuti.

Normalmente una partita dura almeno un’ora, ma la nostra era finita praticamente subito e tutti gli altri stavano ancora giocando.

Allora Canal mi spiegò gli errori che avevo commesso.

Pensavo di essere stato sfortunato nel sorteggio, invece è stata una grande fortuna aver avuto Canal come avversario: è stato un grande onore e poi mi diede una gran lezione sugli scacchi.

Quando l’ho conosciuto era già molto anziano, era un vecchietto che ispirava simpatia, era una persona gentile.

Vedendo questo filmato oggi sono ringiovanito, e il ricordo di questo grande campione mi ha strappato un sorriso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *