mdpr1@libero.it

Enrico Bovone, 1946/2001

Commenti (1) Amarcord, Sport

Ho conosciuto Enrico Bovone nei suoi anni varesini, quando giocava nell’Ignis basket.

Non che mi sia riuscito di essergli amico, no.

Se ne stava volentieri per conto suo.

Di quando in quando, ci trovavamo in treno, Ferrovie Nord, verso Milano.

Frequentava ingegneria, se ben ricordo.

All’epoca, giovane davvero, non gli riusciva ancora – se mai gli riuscirà dopo – di sopportare l’attenzione che i suoi due metri e dieci (fu definito ‘il primo Gigantissimo’) suscitava e, soprattutto, le frasi cretine che gli venivano rivolte.

Ricordo in particolare la fastidiosissima, guardando alla smorfia che faceva, domanda “Che aria tira lassu’?”.

Enrico Bovone

Enrico Bovone

In uno sport nel quale più si era lunghi e più si ‘doveva’ essere bravi e possibilmente ‘decisivi’, lui, il più lungo, non ebbe mai a sfondare.

Una qualche naturale lentezza, certo.

Ma anche una sottesa insofferenza dettata, mi è sembrato di cogliere, da una riflessione interiore che lo aveva portato a concludere che non gli andava d’essere considerato solo per l’altezza, quasi fosse un fenomeno da baraccone.

E deve avere sempre sofferto – e non solo per questo, immagino – se è vero che a soli cinquantacinque anni si è tolto la vita con un colpo di pistola.

Appresa la brutta notizia, come m’accade invariabilmente in questi casi, mi sono chiesto se non fossi in qualche modo, sia pure in piccolissima percentuale, responsabile di quel definitivo gesto.

Chissà, ho pensato, come sarebbe andata se non l’avessi in fondo trascurato?

Se avessi coltivato quel nostro rapporto così da trasformarlo in amicizia?

Sono sempre, almeno in parte, colpevole, lo so!

One Response to Enrico Bovone, 1946/2001

  1. Silvano Calzini ha detto:

    Sono l’autore dell’articolo sul povero Bovone pubblicato sul sito Storie di sport. Volevo ringraziarla per le belle parole che mi ha dedicato nel messaggio che ha mandato al sito e che i curatori hanno messo in calce al pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *