mdpr1@libero.it

Quando muori a Parigi

Nessun commento Varie ed eventuali

Muore Yves Montand.

Un gruppo di amici segue la bara fino al cimitero.

Le telecamere indugiano.

Ecco Alain Delon.

Si guarda d’attorno.

Gira tra le tombe.

Cerca di ambientarsi.

Sa che quando la grande falce penserà a lui, è lì che verrà sepolto.

E’ il Père Lachaise: uno sterminio di sepolture riservate ai ‘grandi’.

Morire a Parigi, vuol dire finire quasi invariabilmente qui, se conti qualcosa.

Una ventina d’anni orsono, l’ho visitato.

All’ingresso, ti danno una mappa.

Vuoi vedere dove si colloca Oscar Wilde?

Dove sta Jim Morrison?

Infiniti altri?

Segui il percorso.

Non c’è Rudolf Nureyev.

Muore a Parigi ma chiede di essere sepolto nel Cimitero degli Ortodossi.

Prima o poi, collocherò un fiore su quel sacello.

Il cimitero di Père Lachaise

Il cimitero di Père Lachaise

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *