mdpr1@libero.it

Quando un inglese…

Nessun commento Sport

Non è più, e da tempo, quel tempo.

Parlo di quando, orgogliosamente e dicendo il vero, i giornalisti della terra d’Albione che seguivano le corse su pista di atletica leggera potevano affermare che “se all’ingresso sul rettilineo d’arrivo un inglese e un altro competitore sono alla pari l’inglese ha già vinto!” tanto forte e premiante era lo spirito, tanto bollente il sangue degli atleti formati sui campi di Cambridge e di Oxford.

Chi abbia visto ‘Momenti di gloria’ sa di cosa vado parlando.

E’ dalla metà degli anni Ottanta, da quando l’uno dopo l’altro hanno raggiunto il loro limite agonistico i tre grandi mezzofondisti Sebastian Coe, Steve Ovett e Steve Cram, che di inglesi al massimo livello in pista non ne vediamo più.

Da allora, gente delle ex colonie spacciata per tale.

Il declino.

Sebastian Coe

Sebastian Coe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *