mdpr1@libero.it

Wiggins e la Roubaix

Nessun commento Sport

Avete presente Bradley Wiggins, il primo inglese capace di vincere il Tour de France nel trascorso 2012.

E’ un tipo tosto.

Pistard di livello assoluto, collezionista di titoli mondiali e medaglie d’oro olimpiche appunto su pista, qualche anno fa decise di vincere la Grande Boucle e con una preparazione specifica e una squadra adeguata l’ha fatto.

Insomma, è un ciclista capace di unire alla classe naturale tutto quanto necessario per raggiungere i propri obiettivi.

Adesso, sembra abbia dichiarato che l’anno prossimo, 2014, si concentrerà su un sola specifica corsa, la mitica Parigi/Roubaix.

Bradley Wiggins

Bradley Wiggins

Dubito gli riesca di vincerla al primo tentativo.

Si tratta di una corsa massacrante, e va bene, ma il cui esito è anche spessissimo determinato da cadute e forature, insomma dalla fortuna, che aiuta gli audaci ma non sempre i più forti.

E non vorrei vederlo imitare Ivan Lendl, ai suoi giorni ossessionato da Wimbledon.

Il grande tennista, aveva trionfato dovunque ma non gli era mai riuscito l’en plein sull’erba inglese.

Pur di farlo, arrivò a disertare il Roland Garros – che, tra gli Slam, precede nel tempo di effettuazione Wimbledon e che lo avrebbe visto sicuro protagonista e probabile vincitore –  per prepararsi specificamente riuscendo nell’impresa di non vincere nè a Parigi nè a Londra.

Vedremo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *