mdpr1@libero.it

“L’abbraccio mortale della tv”

Nessun commento Cinema

Joanne Woodward: “La tv concede agli attori  una fama sfuggente ed effimera. Il cinema consacra!”

Tra il 1969 e il 1972, Peter Bogdanovich aveva avuto modo e opportunità di intervistare lungamente il geniale Orson Welles.

Morto il gigantesco autore di veri e vari capolavori teatrali, radiofonici e cinematografici, il regista di ‘Ma papà ti manda sola?’ raccolse in un fondamentale testo e pubblicò nel 1992 sotto il titolo ‘This is Orson Welles’ (in italiano, ‘Io, Orson Welles’) quella che resta la vera autobiografia dell’artista.

Ora – a parte il fatto che questo testo andrebbe letto e riletto, come io faccio religiosamente, a oltranza e da tutti – perché trattarne a proposito de ‘Labbraccio mortale della tv’, titolo che ho dato a questo mio intervento?

Patrick McGoohan

Patrick McGoohan

Occorre tornare al 1955.

Giugno/luglio del 1955 per l’appunto: a Londra, con un cast stellare che comprende, oltre al regista/creatore dell’opera in due atti, anche Joan Plowright, Christopher Lee, Gordon Jackson e Kenneth Williams, Welles, mettendo in scena il suo ‘Moby Dick’ si avvale di un attor giovane americano, Patrick McGoohan.

Promettentissimo sulla scena e in grado di imporsi, McGoohan, già presente a Hollywood, negli anni Sessanta si era dedicato alla tv arrivando al successo in due serie all’epoca famose, ‘Gioco pericoloso’ e, in particolare, ‘Il prigioniero’.

E di cosa si lamenta Orson con Peter al riguardo se non del fatto che così facendo Patrick aveva tradito la sua arte e se stesso per nulla avere in cambio se non forse dei quattrini?

Lo so, lo so, se azzecchi la serie televisiva ‘giusta’ – e oggi ancora di più – quella che ti da lavoro per anni, sei a posto quanto alla questione economica, ma se sei in gamba certamente scialacqui i capitali che madre natura ti ha dato.

PS. Chi voglia capire chi era Patrick McGoohan guardi al ‘cattivo’ Roger Devereau da lui disegnato in una apparizione sul grande schermo del lontano 1976, il bel film di Arthur Hiller ‘Wagon lits con omicidi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *