mdpr1@libero.it

William H. Crawford: un colpo apoplettico determinante

Nessun commento USA

Già senatore, presidente pro tempore della camera alta, ambasciatore a Parigi, segretario alla guerra, nel 1824, anno elettorale, William H. Crawford ricopriva l’incarico di segretario al tesoro degli Stati Uniti.

Designato quale suo successore da James Monroe, ottenne una nomination mutilata visto che alla riunione nella quale fu scelto partecipò all’incirca solo un terzo dei congressisti all’epoca aderenti al suo partito.

William H. Crawford

William H. Crawford

Partito, quello democratico/repubblicano, che nell’occasione si frantumò arrivando le diverse fazioni a proporre addirittura quattro candidati.

Contro Crawford, John Quincy Adams, Andrew Jackson e Henry Clay.

Il Nostro, a novembre, si piazzò terzo nel computo dei delegati nazionali e, non avendo nessuno raggiunto il numero di voti elettorali per vincere, avrebbe potuto aspirare ad essere scelto dalla camera dei rappresentanti chiamata, secondo il dettato costituzionale, a optare per uno tra i tre primi classificati (lo avevano preceduto, nell’ordine, Jackson e Adams, che sarà poi per un quadriennio a White House).

Fato vuole, però, che Crawford, nel corso della campagna elettorale, fosse stato colpito da un colpo apoplettico, il che, ragionevolmente, lo escludeva.

Fu proprio per la sua mancata presenza quale possibile presidente che, essendosi ristretta la lotta tra i due primi classificati, Henry Clay, quarto e fuori dal gioco, raggiunse un accordo con Adams convogliando su di lui i propri delegati e ricevendone in cambio poco dopo l’insediamento la nomina a segretario di Stato.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *