mdpr1@libero.it

Come nascono i capolavori

Nessun commento Cinema

Orson Welles a proposito de ‘La signora di Shangai’:

“Lavoravo a ‘Il giro del mondo in ottanta giorni’.

A Boston, il giorno della prima, non potevamo ritirare i costumi in stazione perché c’erano cinquantamila dollari di debito e il i nostro produttore era fallito.

Senza quei soldi non potevamo debuttare.

Allora chiamo Harry Cohn” (un famoso magnate cinematografico) a Hollywood e gli dico: ‘Ho, una grande storia per un film e te lo faccio se mi mandi cinquantamila dollari per vaglia telegrafico entro un’ora. Ti firmo un contratto’.

‘Che storia è?’, fa Cohn.

Lo chiamavo da una cabina telefonica e lì vicino c’era un’edicola con le edizioni economiche dei romanzi.

Così gli do un titolo a caso, ‘La signora di Shangai’.

‘Compra il romanzo e io ti faccio il film’, gli dico.

Un’ora più tardi avevamo i soldi!”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *