mdpr1@libero.it

Ottavio Missoni: in memoria

Nessun commento Coccodrilli

Pur vivendo da molti decenni l’un l’altro a un tiro di schioppo, non posso dire di aver conosciuto Ottavio Missoni che, alla fine, ho solo intravisto di quando in quando.

Verso la fine del 2003, pero’, ebbi modo di parlargli a proposito di un libro sul tifo calcistico dei personaggi di un certo peso che andavo stendendo. Si tratta di ‘La prima squadra non si scorda mai’ che sarà dipoi finalista al Premio Bancarella Sport.

Pubblico qui di seguito per ricordare quest’uomo eccezionale le brevi, divertenti note che mi invio’ allora.

 

Faccio il tifo per il Milan.

E’ un’eredità che mi ha lasciato Nereo Rocco, amico ancora dai tempi che allenava la Triestina.

All’epoca, ci si allenava insieme: stesso stadio, stessa osteria.

Grande tecnico ‘El Paron’, poche idee ma ben chiare.

Ai difensori raccomandava: “Muli ste attenti, se xe qualche cosa che se movi in area entré, se pò xe el balon pazienza”.

Del gioco del calcio non ne capisco molto, infatti se ci sono delle discussioni tecnico tattiche ascolto. Intervengo solo alla fine sentenziando sempre: “E’ il centro campo che non funziona”.

Ma di recente m’hanno spiazzato…non solo il centrocampo, ora ci sono anche ‘le fasce che non spingono’”

Ottavio Missoni

Ottavio Missoni

Ottavio Missoni

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *