mdpr1@libero.it

La particolare importanza della convention democratica del 1936

Nessun commento USA

23/27 giugno 1936.

A Filadelfia si svolge la convention democratica per la scelta dei candidati del partito dell’asino alla presidenza e alla vicepresidenza.

Il capo dello Stato in carica Franklin Delano Roosevelt – che sarà poi confermato alla grande a novembre – e il vice John Garner vengono investiti dell’incombenza per acclamazione.

Franklin Delano Roosevelt

Franklin Delano Roosevelt

Ma gli accadimenti che rendono il congresso in questione degno di particolare memoria sono ben altri.

In primo luogo, nell’occasione, fu abolita la regola che prevedeva che per la nomina occorresse avere a proprio favore almeno i due terzi dei delegati, regola che aveva portato in precedenza ad infiniti, estenuanti confronti.

In secondo luogo, per la prima volta furono ammessi come delegati dei neri e uno tra questi pronunciò un scorso di appoggio al presidente uscente e in cerca della nuova nomination.

Da sottolineare il fatto che la modifica riguardante il quorum ebbe enorme importanza proprio con riferimento alla questione razziale perché negò da allora in poi ai delegati degli Stati del Sud, appunto razzisti, la possibilità di porre un veto sostanziale alla scelta di un candidato liberal da questo importantissimo punto di vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *