mdpr1@libero.it

Della falsità dell’immagine

Nessun commento Varie ed eventuali

Da quando esiste la fotografia, ovviamente da quando è nato il cinema, peggio, da quando c’è la televisione, tutto quello che vediamo riprodotto in immagine sui giornali, nei libri, sugli schermi ed abbia attinenza all’umano agire è falso!

Sono, infatti, i fotografi, i cameramen, i cineoperatori, gli sceneggiatori, i registi, gli scenografi a collocare, per strada come sulla scena, i presunti protagonisti secondo necessità, intenzioni e convenienze e a dire loro “adesso fate (o dite) questo o quello”.

Qualcuno crede sul serio, per fare un solo esempio, che i ‘rivoltosi’ immortalati ovunque nel mondo mentre sparano in aria non siano stati un attimo prima istruiti o invitati ad in tal modo agire?

L’immagine – fotografica, cinematografica o televisiva che sia – pertanto, lungi dal presentare, come verrebbe fatto ritenere, la realtà, illustra soltanto e invece le motivazioni (economiche o altre che siano), gli intenti (ideali o legati alla necessità) e in particolare l’ideologia dei predetti operatori, del committente e di quanti, consapevolmente, la usino.

Svela, nel mostrare sempre il falso, perché sia stata scattata e venga proposta.

immagine

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *