mdpr1@libero.it

Rachel Donelson Jackson

Nessun commento USA

Mancata First Lady a causa delle calunnie

Quella del 1828 è tra le tante campagne elettorali USA una delle più sporche.

Fortemente condizionata dalla precedente (nel 1824 John Quincy Adams, secondo in termini di voti popolari e di grandi elettori era stato preferito al ballottaggio dalla camera dei rappresentanti a Andrew Jackson, primo in entrambi i conteggi ma non in grado di conquistare la maggioranza assoluta dei delegati e i due erano ancora, di bel nuovo, contrapposti), vide i sostenitori del presidente uscente e quelli del principale sfidante combattere con ogni lecito o illecito mezzo.

Tra gli infiniti pettegolezzi spesso pericolosamente vicini alle calunnie e usati come clave, particolare risonanza ebbe quello che riguardava il matrimonio di Jackson.

Rachel Donelson Jackson

Rachel Donelson Jackson

Fatto è il generale aveva conosciuto la futura consorte, Rachel Donelson, dopo che la medesima si era separata dal primo marito e l’aveva sposata prima che il suo divorzio fosse valido.

Definita la questione, le nozze furono poi ripetute regolarizzando la loro convivenza.

Correvano i primi anni Novanta del Settecento.

Ecco che nel corso della citata rissosissima campagna – Jackson riteneva di essere stato derubato della vittoria quattro anni prima e Quincy Adams non ne apprezzava affatto idee e, soprattutto, rozzezza nei comportamenti – e cioè a distanza siderale dai fatti, la moglie del candidato proveniente dal Tennessee fu esposta alle accuse peggiori partendo da quella di essere stata una bigama e di essere donna di assai dubbia moralità.

Rachel morì il 22 dicembre del 1828 e Jackson si convinse che ad affrettarne la dipartita fossero state proprio le calunnie e i pettegolezzi che aveva dovuto, senza riuscirvi, affrontare.

Un caso, questo, unico: è stata, difatti, la consorte del vincitore della battaglia di New Orleans, la sola moglie di un presidente eletto che non sia vissuta abbastanza da diventare first lady.

Jackson, come prevedeva all’epoca la procedura, entrerà in carica il successivo 4 marzo 1829, tre mesi e mezzo all’incirca dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *