mdpr1@libero.it

E se il padre di von Karajan non avesse avuto quattrini?

Nessun commento Varie ed eventuali

Un violino? una tromba? una batteria? un pianoforte?

Come si arriva a suonarli al meglio?

Certo, occorrono capacità, passione e ardore, ma indispensabili risultano studio ed esercizio continui.

I quattrini?

A parte quelli per pagare le lezioni e per comprare gli strumenti, non sembrano necessari.

Ma se a qualcuno venisse in mente di diventare direttore d’orchestra, dove e come potrebbe esercitarsi adeguatamente onde acquisire l’indispensabile esperienza?

Ecco, quindi, che almeno in questo specifico campo avere denari non guasta.

E così, per fare solo tre esempi, Sir Thomas Beecham divenne quel grande direttore che fu grazie ai soldi del padre che vendeva pillole digestive.

Sergei Koussevitsky si fece le ossa grazie alla ricca moglie che come regalo di nozze prese un’orchestra, la mise su una nave e poi la spedì col marito in una tournée sul Volga.

Il futuro grandissimo Herbert von Karajan debutta tramite papà: è infatti il dottor Ernst che nel 1929 affitta, per affidargliela, l’Orchestra del Mozarteum.

Chissà, e duole il pensarlo, in tal modo stando le cose, quanti talenti non hanno avuto possibilità alcuna di palesarsi?

Herbert von Karajan

Herbert von Karajan

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *