mdpr1@libero.it

Quando Hemingway voleva uccidere gli uomini politici italiani

Nessun commento Letteratura, Varie ed eventuali

Primissimi anni Trenta del Novecento (il romanzo/saggio fu pubblicato a New York nel 1932).

Ernest Hemingway in ‘Morte nel pomeriggio’ tratta da par suo di corride, toreri, miura.

D’improvviso, si sofferma sulle persone che eliminerebbe “se capitasse mai che si potesse un giorno ammazzare chi si vuole”.

Nell’elenco, al secondo posto, colloca “gli uomini politici italiani”.

Non è che anche oggi molti tra noi, chiamati a stilare una loro consimile graduatoria sarebbero d’accordissimo e, di piu’, inserirebbero i politici nostrani al primo posto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *