mdpr1@libero.it

Isambard Kingdom Brunel

Nessun commento I dimenticati

Non molto tempo fa, in Inghilterra, un referendum popolare teso a stabilire quale sia stato il personaggio pubblico più importante nella lunga storia del Paese ha avuto un esito per molti versi sconcertante ove si pensi che subito dietro Winston Churchill (il grande statista ha vinto ma ha dovuto sudarsi il primo posto) si è piazzato Isambard Kingdom Brunel, per i più, in specie fuori dal Regno Unito, un perfetto sconosciuto, in grado, però, di precedere nientemeno che William Shakespeare, per il vero, a sua volta, quarto visto che i sudditi di Sua Maestà gli hanno preferito anche Lady Diana!

Isambard Kingdom Brunel

Isambard Kingdom Brunel

Fatto è – ed ecco, in parte, svelato l’arcano – che Brunel è stato, anni orsono, protagonista di uno sceneggiato televisivo che ne riproponeva la vita e le imprese.

Nato il 9 aprile del 1806 a Londra, il Nostro arrivò alla fama allorché, tra il 1825 e il 1842, con il padre Marc (ingegnere come lui), realizzò la galleria sotto il Tamigi.

Esperto nell’uso del ferro nelle grandi opere civili, Brunel è in qualche modo collegato alla letteratura per quella che fu la sua più grande realizzazione nelle vesti di progettista navale: i primi transatlantici con scafo metallico.

Proprio su uno di questi (il ‘Great Eastern’, per la precisione) si imbarcò in due diversi frangenti Giulio Verne, il quale, sulla base di tale esperienza, scrisse una delle sue opere meno note (ma non per questo priva di interesse), ‘Una città galleggiante’, pubblicata nel 1871.

Brunel non ebbe modo di leggere le pagine di Verne. Era morto, ancora relativamente giovane, nel 1859.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *