mdpr1@libero.it

Elezioni 2013: a destra mancano gli attributi

Commenti (1) Varie ed eventuali

Verrebbe voglia di prenderli tutti a sberle.

Vanno in tv e se la fanno sotto.

Significativo quanto accade ogni sera nella trasmissione de La 7 ‘Otto e mezzo’.

Si lasciano massacrare da Lilli Gruber senza mai sottolineare il fatto che la signora è stata europarlamentare, non un secolo fa ma dal 2004 al 2008, eletta come capolista nelle fila della sinistra e che quindi, appartenendo ad una fazione, è faziosa.

Lilli Gruber

Lilli Gruber

Gli spettatori non lo sanno, non lo ricordano, la pensano indipendente, credono in una sua inesistente terzietà.

Subire è da idioti.

Toccasse a me, sottolineerei i trascorsi della signora durante tutta la trasmissione ed anzi comincerei col chiederle se non ritiene sia scorretto da parte sua non informare lei stessa gli spettatori in merito alla propria appartenenza ideologica e partitica.

Altrettanto, andrebbe fatto, ovviamente, incontrando Giovanni Floris, Gad Lerner, Luca Telese, Lucia Annunziata e compagnia bella, tutti sinistrorsi le cui simpatie non sono espresse alla luce del sole ed anzi vengono nascoste.

Per inciso, molto meglio un nemico dichiarato come Santoro!

Del resto, è una situazione ricorrente: i politici di destra, con pochissime eccezioni, non hanno mai gli attributi, se la fanno sotto, svolgono ogni campagna elettorale difendendosi, sono nella comunicazione, e non solo, dei veri ed assoluti incapaci.

One Response to Elezioni 2013: a destra mancano gli attributi

  1. Carmine Ferrara ha detto:

    Parole sacrosante!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *