mdpr1@libero.it

Enrico Maria Salerno

Commenti (1) Amarcord

Da Vittorio Salerno ricevo la foto allegata, scattata davanti ai garages del Grand Hotel Campo dei Fiori nel giugno 1943.

Rappresenta i tre fratelli Salerno appena arrivati da Milano, città da loro lasciata per sfuggire ai bombardamenti. Il futuro grande attore e regista Enrico Maria Salerno, allora sedicenne, è il maggiore dei tre, Nando, allora undicenne, e Vittorio, di sei anni, completano il quadro.

ems

One Response to Enrico Maria Salerno

  1. Vittorio ha detto:

    Mentre in tutto il mondo infuriavano le battaglie della seconda guerra mondiale (54 milioni di morti tra civili e militari), intere città venivano rase al suolo, milioni di ebrei venivano sterminari nei lagher nazisti, la famiglia Salerno si salvò sulla prima delle prealpi lombarde, il Campo dei Fiori sopra Varese, dove patì il freddo, un pò di fame, tremò di paura per i due fratelli maggiori Titta (il pittore), ed Enrico entrambi sotto le armi, ed é rimasta una delle poche famiglie italiane a non dover piangere lutti. L’intraprendente capo famiglia, il dott. Antonino Salerno, il giorno dopo il primo bombardamento ‘a tappeto’ su Milano dell’11 giugno ’43, durente il quale fu colpita anche la Scala e la Galleria Vittorio Emanuele, portò i suoi cari su quella montagna dalle 7 cime dalla quale si possono ammirare i 7 laghi della provincia di Varese.
    Visse nell’appartamento sovrastante i garages (che si vedono alle spalle dei tre fratelli) fino al settembre del ’45, quando scese da quella montagna e si stabilì in una villetta in località Bellavista, dove abitò fino all’agosto del 1962.
    Il Campo dei Fiori è rimasto nel cuore di Vittorio Salerno: é il suo ‘Posto delle fragole’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *