mdpr1@libero.it

Lettera a Sergio Romano a proposito del ‘Che’ Guevara

Nessun commento Varie ed eventuali

Pubblico la mail da me inviata il 5 febbraio a Sergio Romano concernente i trascorsi del ‘Che’ Guevara a lui ignoti.

Caro ambasciatore,

comprendo la necessità di essere concisi, ma, trattando oggi del Che, lei ha del tutto trascurato l’influsso che su di lui ebbe l’esperienza guatemalteca ai tempi di Arbenz Guzman

Di seguito, il capitolo del mio ‘Il continente della speranza? Storia e storie dell’America Latina’, alla vicenda dedicato.

Buona giornata.

Mauro della Porta Raffo

 

Sergio Romano

Sergio Romano

 

 

IL MAESTRO DEL ‘CHE’

di Mauro della Porta Raffo

 

Ernesto ‘Che’ Guevara

Ernesto ‘Che’ Guevara

Jacobo Arbenz Guzman, primo dopo una lunga teoria di caudillos e dittatori, fu democraticamente eletto presidente del Guatemala il 15 dicembre 1950 ed entrò in carica il successivo 15 marzo 1951.

Passarono solo sei mesi e il suo governo, mantenendo le promesse fatte dal nuovo capo dello Stato ai campesinos e agli indios nel corso della campagna politica, promulgò la tanto attesa e rivoluzionaria riforma agraria: erano oggetto d’esproprio i fondi incolti e destinati a pascolo di estensione superiore ai novanta ettari e quelli non direttamente coltivati, erano esentate le aziende a coltivazione intensiva, i terreni demaniali potevano essere concessi in usufrutto perpetuo a singoli individui o a cooperative.

In poco più di un anno, circa cinquecentomila ettari sottratti ai latifondisti furono così ridistribuiti ai contadini.

Tra i possedimenti oggetto di esproprio, ottantatremilaventinove ettari per l’appunto incolti appartenenti alla potentissima multinazionale americana United Fruit Company.

Accusato per mezzo di una ben orchestrata manovra propagandistica di essere un comunista, Arbenz, che, nel frattempo, per fronteggiare l’opposizione USA, aveva cercato di avvicinarsi all’URSS, dovette affrontare nei primi mesi del 1954 da principio l’ostilità dei governi circonvicini e, in seguito, una vera invasione, organizzata dalla Cia, di fuoriusciti guatemaltechi agli ordini del colonnello Carlos Castillo Armas.

Gli eventi precipitarono rapidamente e il presidente fu costretto, per evitare una sanguinosa guerra civile, a dare le dimissioni. Era il 28 giugno 1954.

Di tutto questo, forse, non metterebbe conto parlare non fosse per il fatto che Ernesto ‘Che’ Guevara è proprio alla sua esperienza nel Guatemala di Arbenz che ha più volte fatto riferimento indicandola come momento decisivo di formazione politica.

Il ‘Che’, infatti, nel vivo di quella vicenda e in conseguenza del suo andamento ricavò alcuni punti fermi del successivo proprio operare.

Guevara era arrivato in Guatemala nel dicembre del 1953 nel corso del secondo viaggio intrapreso in esplorazione del continente latino americano.

L’intendimento era di mettersi al servizio del governo Arbenz  in qualità di medico.

Il pensiero del Che a proposito della pacifica ‘rivoluzione’ messa in atto dal presidente guatemalteco e l’effetto che su di lui ebbe la rapida fine del governo riformatore sono benissimo evidenziate dal contenuto delle lettere che inviò all’epoca ai familiari in Argentina.

Nella prima, dipinge Arbenz Guzman come “un uomo duro, senza dubbio disposto a morire al suo posto se necessario” e, conseguentemente, si offre per il servizio di pronto soccorso medico per le costituite brigate giovanili che, ritiene, dovrebbero addestrare militarmente i sostenitori del legittimo governo.

Arbenz, però, di poi, confidando nell’aiuto dell’esercito, si rifiuta di difendersi dagli invasori distribuendo armi al popolo a cui continua a chiedere di mantenere la calma per evitare un bagno di sangue.

Guevara ne comprende gli intenti e ne giustifica l’azione.

Caduto il presidente e verificata l’impossibilità di una rivoluzione disarmata, in una missiva indirizzata alla madre e datata 4 luglio, il Che scrive: “Tutto è accaduto come in un bel sogno che si cerca di far continuare anche da svegli. La realtà sta bussando a molte porte e cominciano già a suonare le scariche che premiano la più accesa adesione all’antico regime. Il tradimento continua ad essere patrimonio dell’esercito e una volta di più resta provato l’aforisma che indica nella liquidazione dell’esercito il vero principio della democrazia (e se l’aforisma non esiste, lo creo io)”.

La lettera prosegue descrivendo la sproporzione di forze esistente tra gli invasori e i cittadini fedeli ad Arbenz cui addebita di non avere compreso che il momento richiedeva la distribuzione di idonei mezzi di difesa a tutti perché “un popolo in armi è un’arma invincibile”.

“La cruda verità – conclude – è che il presidente non ha saputo essere all’altezza delle circostanze”.

Di lì a poco, si rifugia in Messico.

L’esperienza e la delusione guatemalteca l’hanno segnato.

E’ pronto alla lotta contro l’imperialismo e all’adesione ai principi marxisti.

Nel successivo novembre 1955, a casa di Maria Antonia Gonzales, incontrerà un giovane avvocato cubano in esilio che sta operando per organizzare una rivoluzione nella sua isola: è Fidel Castro.

Anni dopo, il 30 luglio 1960, il Che, inaugurando a Cuba il primo Congresso Latino americano della Gioventù, rivolgendosi ad Arbenz Guzman, invitato per l’occasione, dirà: “Vogliamo salutare in modo particolare Jacobo Arbenz, presidente della prima nazione latino americana che alzò la voce senza paura contro il colonialismo e che attraverso una riforma agraria profonda e coraggiosa espresse l’aspirazione delle sue masse contadine. E vogliamo ringraziare lui e quella democrazia che dovette soccombere per l’esempio datoci e per averci permesso una esatta valutazione delle deficienze che quel governo non poté superare, il che ha poi consentito a noi di andare alla radice della questione e di defenestrare con un taglio netto i detentori del potere e i loro sbirri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *