mdpr1@libero.it

Accademia di studi superiori per l’esercizio della politica

Commenti (2) Varie ed eventuali

Con rarissime eccezioni – quelli che si definiscono ‘animali politici’ e che comunque quasi mai rifulgono per la loro preparazione culturale – da sempre gli uomini dediti alla politica si distinguono per incapacità, impreparazione, crassa ignoranza e, quasi tutti, per essere spinti e guidati da miserabili motivazioni.

Credo che sia necessario immaginare una futuro diverso, nel quale per entrare in politica sia necessaria una specifica e approfondita preparazione preceduta da un esame attitudinale.

Quella che segue è un’ipotesi.

Esame di ammissione:

quali le motivazioni?

quale il livello culturale?

quali le attitudini?

quali le disponibilità di tempo?

quali le disponibilità economiche?

Se ammessi, i corsi:

psicologia motivazionale

psicologia comportamentale

storia universale

storia delle istituzioni

diritto costituzionale comparato

dottrina dello Stato

filosofia del diritto

economia politica

storia delle religioni

storia del pensiero filosofico

storia del pensiero scientifico

storia diplomatica

geografia

antropologia culturale

antropologia fisica

storia del teatro

storia del cinema

storia delle comunicazioni

letteratura italiana

letteratura americana

letteratura inglese

letteratura russa

letteratura francese

letteratura latino americana

letterature ‘minori’

public speaking

florilegio di citazioni e aneddoti citabili

informatica

grafica

lingua inglese

lingua francese

lingua spagnola

2 Responses to Accademia di studi superiori per l’esercizio della politica

  1. Roberto ha detto:

    Penso che ci sarebbe solo lei come politico. D’altronde in Francia, nel 1969 C.De Gaulle si ritirò dalla vita politica disgustato dai partiti e dopo avere perso il referendum che proponeva – plagio Mussolini – il corporativismo e la compartecipazione dei dipendenti nella vita delle imprese. Anche Bolivar morì amareggiato dalla politica. “E’ come arare il mare” disse testualmente. Cosa ne pensa piuttosto del corporativismo come unica soluzione possibile in funzione antipartitica. Anche il maresciallo Pilduski e la tigre Clemenceau morirono con parole di disgusto verso i partiti. Un caro saluto

  2. Valentina Lucia Iorio Tomasetti ha detto:

    Ha ragione Roberto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *