mdpr1@libero.it

Il Nobel della Mutua da mandare a quel paese

Nessun commento Varie ed eventuali

Il premio Nobel per la pace assegnato alla Comunità Europea non fa altro che confermare il sinistramente demagogico operare del comitato che lo assegna.

Non che gli altri Nobel siano esenti da motivatissime critiche: riconoscimenti scientifici dati a prosecutori dell’opera di un altro scienziato che viene trascurato pur avendo aperto la strada agli insigniti, premi concessi a seguito di fortissime pressioni magari di qualche casa farmaceutica sono all’ordine del giorno, come è sicuro che l’alloro per la letteratura venga dato solo per ragioni politiche per supportare una ben precisa ideologia (il laureato deve essere di sinistra o ritenuto tale) e geografiche, non certo guardando ai meriti.

In proposito, basti ricordare i casi di Leone Tolstoi, di Celine, di Ezra Pound o di Jorge Luis Borges i quali, non intruppati tra i ‘compagni’, benché veri giganti, il premio l’hanno visto col binocolo.

Il Premio Nobel

Eppure, in tale bailamme, il Nobel per la pace riesce a distinguersi assegnato come è stato nel tempo a feroci assassini come Arafat, a istituti internazionali in verità dediti alla nullafacenza assai ben retribuita quali l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, a semplici funzionari come appunto il dirigente dellaor ora nominata Agenzia Mohamed el Baradei o il segretario dell’Onu Kofi Annan, o infine a persone che nulla avevano fatto concretamente per la pace come Barack Obama, insignito nel 2009 quando nel precedente anno, quello per regolamento da prendere in considerazione, era impegnato nella campagna elettorale e impossibilitato a far altro al riguardo che parlare.Ed eccoci ad oggi: si rende gloria all’Unità Europea alcuni importantissimi membri della quale – Francia in testa – nel trascorso 2011 hanno mosso guerra alla Libia di Gheddafi bombardando a man salva città e campagne.E’ ora di mandare il benedetto Nobel, scientifico, letterario o per la pace che sia, a quel paese!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *