mdpr1@libero.it

Mit Romney è il 28° candidato GOP a White House

Nessun commento Varie ed eventuali

Mitt Romney, ove si consideri nell’elenco due volte (1960, quando fu sconfitto e 1968, allorché vinse) Richard Nixon, è il ventottesimo candidato repubblicano alla Casa Bianca.

Il Grand Old Party (Gop), fondato nel 1854, propose per la prima volta un proprio aspirante alla presidenza nelle elezioni del 1856.

Nell’occasione, John Fremont perse da James Buchanan.

Come lui, nei decenni a venire, furono battuti dal rivale democratico loro toccato in sorte e non ulteriormente ricandidati

  • James Blaine: 1884, contro Grover Cleveland
  • Charles Hughes: 1916, contro Woodrow Wilson
  • Alfred Landon: 1936, contro Franklin Delano Roosevelt
  • Wendell Wilkie: 1940, contro Franklin Delano Roosevelt
  • Barry Goldwater: 1964, contro Lyndon Johnson
  • Bob Dole: 1996, contro Bill Clinton
  • John McCain: 2008, contro Barack Obama.

Sempre parlando dei Gop battuti e mai arrivati a White House, particolare il caso di Thomas Dewey, soccombente nel 1944 contro Franklin Delano Roosevelt e nel 1948 contro Harry Truman.

Fra gli aderenti al partito dell’elefante (il simbolo dei democratici è invece un asino) sconfitti anche Gerald Ford che va considerato del tutto a parte in quanto, subentrato da vice presidente nell’agosto 1974 dopo le dimissioni di Nixon, fu battuto nel successivo 1976 nel mentre cercava la conferma presentandosi in effetti personalmente per la prima volta.

I sedici repubblicani risultati invece vincitori sono nell’ordine

  • Abraham Lincoln: 1860 e 1864
  • Ulysses Grant: 1868 e 1872
  • Rutherford Hayes: 1876
  • James Garfield: 1880
  • Benjamin Harrison: 1888
  • William McKinley: 1896 e 1900
  • Theodore Roosevelt: 1904
  • William Taft: 1908
  • Warren Harding: 1920
  • Calvin Coolidge: 1924
  • Herbert Hoover: 1928
  • Dwight Eisenhower: 1952 e 1956
  • Richard Nixon: 1968 (come accennato, al secondo tentativo avendo perso nel 1960) e 1972
  • Ronald Reagan: 1980 e 1984
  • George Herbert Bush: 1988
  • George Walker Bush: 2000 e 2004.

Tra questi, Benjamin Harrison, William Taft, Herbert Hoover e George Herbert Bush furono sconfitti allorquando, terminato il primo, cercarono un secondo mandato.

Da sottolineare il fatto che Theodore Roosevelt, ritiratosi volontariamente al termine del quadriennio 1905/1909, si ripropose nel 1912.

Rifiutato dai repubblicani che gli preferirono l’uscente Taft, a capo di un partito fondato per la bisogna, perse dal democratico Wilson ma prevalse sul citato Taft ottenendo comunque il miglior risultato di sempre di un ‘terzo’ candidato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *